Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Templates - bigtheme.net
Full Reviw on best bokkmakers by artbetting.net

San Pietro Sopra le Acque

L’esistenza della Chiesa di San Pietro sopra le Acque è documentata già nel 1275 quando risulta essere sede di collegiata con un priore e quattro canonici. Di origine certamente molto più antica è posta nell’ambito giurisdizionale dell’Abbazia dei SS. Fidenzio e Terenzio e deve il suo nome alla notevole presenza di acqua sorgiva nelle sue immediate vicinanze. Sul finire del ‘500 ormai ridotta in pessimo stato e del tutto abbandonata viene totalmente riedificata a spese del Cardinale Marcello Lante Vescovo di Todi che la predilige per costruirvi un convento per i Frati Minori Osservanti. I lavori di rifacimento della chiesa e di costruzione del convento iniziano nel febbraio 1614 e terminano nel 1618. Quindi, fino al 1623, si provvede a sistemare definitivamente la fabbrica con la costruzione della muraglia che racchiude la clausura del convento per una estenzione di oltre 4 ettari di bosco ed orti e della fontana posta a lato del piazzale della Chiesa. Nel corso del secolo successivo si avrà la definitiva sistemazione dei sei altari laterali della chiesa e la costruzione delle stazioni della Via Crucis lungo il perimetro del sagrato del sacro edificio. A seguito della soppressione degli ordini religiosi operata a seguito dell’Unità d’Italia, l’intero complesso viene requisito dalla Cassa Ecclesiastica dello Stato che lo cederà in uso nel 1865 al Comune di Massa Martana che vi impianterà delle scuole rurali ed il cimitero comunale. Attualmente il convento è di proprietà privata, il cimitero è stato soppresso e la Chiesa è annoverata tra i beni di proprietà del Fondo Edifici Culto del Ministero dell’Interno. 

Di notevole all’interno della Chiesa, purtroppo spogliata della maggior parte degli arredi che la ornavano, la pala d’altare dipinta tra il 1619 ed il 1623 dal pittore tuderte Andrea Polinori raffigurante la Consegna delle Chiavi a Pietro e gli affreschi nel portico esterno tra i quali si segnala una Madonna con il Bambino e S. Pietro, opera del secolo XV pertinente con ogni probabilità all’antica chiesa. 

Presso S. Pietro sopra le acque si svolge ogni anno la festa di S. Antonio di Padova ricorrenza celebrata da secoli proprio a S. Pietro dove il Santo ha il proprio altare all’interno della chiesa. La celebrazione religiosa si conclude con una breve processione nel parco dell’ex convento. 

Torna alla home

The bet365 is best bookmaker in the world.

The Best betting exchange betfair